Cosa prevedono gli allegati alle linee guida PSCL?

Gli allegati alle Linee guida per la redazione dei Piani Spostamenti Casa Lavoro descrivono in maniera puntuale tutte le fasi da seguire per la corretta redazione dei PSCL.

I piani di spostamento casa-lavoro,come abbiamo già spiegato, sono finalizzati alla riduzione del traffico veicolare privato ed individuano le misure utili ad orientare gli spostamenti casa-lavoro del personale dipendente verso forme di mobilità sostenibile alternative all’uso individuale del veicolo privato a motore, sulla base dell’analisi degli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti, delle loro esigenze di mobilità e dello stato dell’offerta di trasporto presente nel territorio interessato.

“Il PSCL definisce, altresì, i benefici conseguibili con l’attuazione delle misure in esso previste,
valutando i vantaggi sia per i dipendenti coinvolti, in termini di tempi di spostamento, costi di
trasporto e comfort di trasporto, sia per l’impresa o la pubblica amministrazione che lo adotta, in
termini economici e di produttività, nonché per la collettività, in termini ambientali, sociali ed
economici.”

Tutti gli allegati alle linee guida PSCL spiegati in maniera semplice.

L’allegato 1  contiene l’Indice tipo di un PSCL, indicando i contenuti minimi.

L’allegato 2 contiene una scheda informativa sulle condizioni strutturali aziendali minime da rilevare e l’offerta di trasporto.
L’analisi è finalizzata a comprendere i principali elementi qualitativi e quantitativi riferiti a servizi, infrastrutture e risorse dedicate alla mobilità dei dipendenti.
L’allegato 3  è costituito da una scheda informativa sugli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti.
Mediante una specifica campagna di indagine è possibile rilevare gli elementi utili a comprendere le abitudini e le esigenze di spostamento dei dipendenti, nonché la loro propensione al cambiamento verso forme di mobilità sostenibili.

L’allegato 4 indica una dettagliata metodologia di valutazione dei benefici ambientali

La stima dei benefici ambientali può essere ottenuta adottando tre procedure di calcolo.

Procedure per la valutazione dei benefici ambientali.

Le procedure sono distinte a seconda della tipologia di misura prevista nel PSCL:

  • Procedura n. 1: va applicata per la stima dei benefici ambientali che si conseguono quando un dipendente rinuncia all’uso del mezzo privato a favore di spostamenti in bicicletta o a piedi o con un mezzo del trasporto pubblico locale (TPL); tale procedura va applicata anche in presenza di misure volte a favorire lo smart working o il co-working;
  • Procedura n. 2: va applicata per la stima dei benefici ambientali che si conseguono quando un dipendente rinuncia all’uso del mezzo privato perché fruisce di servizi di car pooling o car sharing(aziendali o privati);
  • Procedura n. 3:va applicata per la stima dei benefici ambientali che si conseguono quando un dipendente rinuncia all’uso del mezzo privato perché fruisce di servizi di trasporto collettivo aziendale (navette).

Poiché l’obiettivo principe del PSCL è la riduzione del traffico veicolare privato, tutte le procedure di calcolo proposte si basano sulla riduzione delle percorrenze effettuate con l’autovettura privata.”

Se vuoi essere aggiornato sulle novità del mobility management o ricevere assistenza per la redazione del Piano Spostamenti Casa-lavoroclicca qui e entra in contatto con noi.

Scarica qui gli allegati alle Linee guida per la redazione dei Piani Spostamenti Casa Lavoro.